Nascondere o negare un problema, non corrisponde a risolverlo, è solo droga. 

Chi intrattiene rapporti professionali o personali con il sottoscritto, conosce benissimo quanto sia fortemente critico verso sistemi e modalità di gestione di qualsiasi ambito o settore impostati (anche in buona fede) sulla mediocrità, sulla superficialità, sulla mancanza di analisi e cura dei dettagli. Conosce benissimo la mia opinione sui tanti coach che puntano sulla banalità, su frasi banali, vuote, sul “marketing di te stesso”, ecc., ecc.. Non si tratta di ricerca della perfezione, che i mediocri chiamano in forma dispregiativa  “pignoleria”. Si tratta solo di “impegnarsi nell’eseguire un compito, un ruolo, una mansione nel migliore dei modi con impegno, professionalità, correttezza, deontologia, etica e onestà” (ripeto sempre) e dove il concetto di onestà non sta solo nel “non rubare”, ma sta anche e soprattutto nell’onestà intellettuale (tema amplissimo) che porta con se tutto il resto.

Pertanto, come ultimo intervento prima della pausa estiva, non porto all’attenzione il tema franchising, in senso stretto, ma il concetto che espongo e richiamo riguarda certamente, assolutamente e pienamente anche il franchising.

Ciò che propongo, quindi, è solo un link. Un link nel quale si parla di “mediocri”. Una “piaga” presente da secoli.

  • I mediocri sono quelli che più facilmente s’impongono ai mediocri (Arturo Graf, Ecce Homo, 1908)
  • Non siate che mediocri, otterrete tutto (Charles Joseph de Ligne)
  • Nella repubblica della mediocrità, il genio è pericoloso (Robert Green Ingersoll, discorso, Philadelphia, 1890)
  • La mediocrità è il principio che forma la massa compatta del genere umano (Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)
  • Vi è in alcuni uomini una certa mediocrità di spirito che contribuisce a renderli saggi (Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688)

E’ un link che inizia con “il mondo è dei mediocri” e se qualcuno pensa che tale concetto sia da applicare solo in politica si sbaglia di grosso e così facendo nasconde un altro problema. Non solo, chi pensa che la mediocrità sia presente solo nella “offerta” e non nella “domanda” sbaglia nuovamente. Stiamo assistendo ad un “incontro” epocale.

Giusto per dare un cenno sul franchising, al sottoscritto viene attribuito di trattare il tema in una forma che, nella sostanza, va  “contro il franchising”. Mai più grossa baggianata poteva essere inventata (perchè di questo si tratta, di una invenzione appositamente generata) da chi, nella sua mediocrità, è parte alimentatrice, parte integrante e parte mantenente di una situazione che sta portando solo negatività nel franchising: il nascondere o negare un problema, non corrisponde a risolverlo, è solo droga.

Chi ama il franchising (come il sottoscritto) lo vorrebbe pieno zeppo di professionalità, correttezza, trasparenza e tanto altro di positivo che la mediocrità non riesce neanche a far emergere in quanto trattasi di virtù e pregi appartenenti ad altro mondo, ad altra galassia.

Allora cosa dire al riguardo ? Niente, “il mondo è dei mediocri” è un concetto che si sta espandendo anche nel mondo imprenditoriale, non solo politico, non solo civile, non solo scolastico…”Mediocri di tutto il mondo, vi siete uniti. E avete vinto“, è (anche) il titolo dell’intervista pubblicata su La Stampa il 29.05.2017 a firma Sara Ricotta Voza,

intervista al filosofo canadese Alain Deneault, autore del longseller internazionale “La mediocrazia: “L’unico antidoto è il pensiero critico””.

Buona lettura ! …e buone vacanze…e che non siano mediocri !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...