– § – ISTRUTTORIA “ABUSI” DA AGCM: McDONALD’S SI IMPEGNA ALLA RIMOZIONE – § –

Dall’avvio dell’indagini istruttoria di AGCM per “abuso di dipendenza economica”, il più noto marchio al mondo McDonald’s ne propone la rimozione con i suoi “impegni”

Era il 2021, più esattamente il 27 luglio, e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato avviava nei confronti della società McDonald’s Development Italy LCC un’istruttoria ai sensi dell’art.9, c.3-bis, della L.18.06.1998, n.192 e dell’art.14 della L.10.10.1990, n.287 in relazione a condotte applicate nei confronti della propria rete di affiliati.

Ho fornito una descrizione delle osservazioni effettuate da AGCM nell’intervento qua pubblicato e con questo titolo: “Abuso di dipendenza economica da McDonald’s? AGCM avvia istruttoria“.

Premetto da subito che gli impegni sono presentati da McDonald’s come proposte che non costituiscono “ammissione di responsabilità alcuna rispetto alle ipotesi di violazioni descritte nei Provvedimenti di avvio e fatti salvi, in ogni caso, i diritti di difesa delle Società.

Il 14 febbraio 2022, quindi, McDonald’s ha presentato i citati impegni, ai sensi dell’articolo 14-ter della legge n.287/90, secondo le modalità indicate nell’apposito “Formulario per la presentazione degli impegni ai sensi dell’articolo 14-ter della legge n. 287/90”, consistenti, in sintesi, in quanto segue.

I punti sono 10 e, come precisa l’AGCM, “appaiono non manifestamente infondati e tali da essere suscettibili di pubblicazione, impregiudicata ogni valutazione dell’Autorità sulla loro idoneità a risolvere le problematiche sollevate in sede di avvio” e ne ha disposto la pubblicazione “affinché i terzi interessati esprimano le loro osservazioni”.

Vediamo la sintesi dei punti che caratterizzano “gli impegni” che McDonald’s ha dichiarato di assumersi:
Punto 1. – Con questo punto è proposto di effettuare una modifica del modello contrattuale di McDonald’s al fine di prevedere che in capo al franchisee sussista, relativamente ai beni e ai locali rientranti nel ramo di azienda concesso in affitto, esclusivamente un onere di manutenzione ordinaria eliminando l’obbligo di sostenimento anche delle spese di manutenzione straordinaria poste a carico di McDonald’s, purchè il franchisee documenti di aver effettuato puntualmente la manutenzione ordinaria;
Punto 2. – Anche per questo punto è proposta una modifica contrattuale. Nello specifico si tratta di costi formazione e aggiornamento in corso di rapporto contrattuale a favore dei dipendenti del franchisee con costi della stessa formazione e delle relative strutture poste a sostenimento de McDonald’s, nel caso in cui i corsi si tengano presso le sedi della Società e con facoltà di partecipazione se presso altre sedi;
Punto 3. – La casistica prevista per questo punto è relativa alla rimozione di quanto previsto in termini di obbligo di investimento nella pubblicità locale a carico del franchisee eliminando la percentuale dell’1,5% del fatturato lordo mensile di ogni ristorante e mantenendo inalterato l’obbligo dell’attuale standard contrattuale riferito ad una percentuale già ridotta all’1%;
Punto 4. – Trattasi di un punto che, in realtà, McDonald’s aveva già eliminato dal 2018 e si riferiva ad un obbligo di residenza del franchisee entro il raggio di 50 km dal ristorante gestito, ma, sempre in questo punto, si propone un’ulteriore modifica proprio modello contrattuale volta a prevedere che la gestione del ristorante a insegna McDonald’s rappresenti per il gestore un’attività soltanto prevalente, e non più   a tempo pieno;
Punto 5. – Trattasi di un punto importante in quanto si propone di riformulare l’obbligo di non concorrenza in modo da:

  1. rimuovere l’obbligo di non concorrenza per il periodo successivo alla conclusione del rapporto contrattuale. Questo punto, tra l’altro, sembra essere un’importante apertura in quanto sceglie di non tenere conto di quanto non tiene conto di quanto previsto anche dal Regolamento UE 330/2010 (e i relativi Orientamenti) e che afferma che il trasferimento di un know-how sostanziale giustifica pienamente un obbligo di non concorrenza per l’intera durata dell’accordo e per un anno successivo alla sua scadenza in tutto il territorio italiano;
  2. circoscriverne l’ambito di applicazione, in costanza del rapporto contrattuale, alle sole attività di ristorazione di tipo informale;

Punto 6. – Questo punto è strutturato su tre livelli e tre temi: politiche di prezzo, promozioni e espandibilità. Si propone di introdurre nello standard contrattuale delle precisazioni relative:

  1. all’assenza di ingerenza dell’affiliante nella determinazione delle politiche commerciali degli affiliati, ribadendo la facoltà degli stessi di non aderire alle raccomandazioni di prezzo e alle promozioni proposte;
  2. all’adozione, nel corso del rapporto contrattuale, di ulteriori iniziative volte a ribadire l’autonomia dell’affiliato in materia di corsi di compliance per i dipendenti sulle norme a tutela della concorrenza e specifiche comunicazioni ai franchisee relative ai criteri per accedere alla c.d. espandibilità, cioè l’idoneità a negoziare un nuovo contratto;

Punto 7. – Forse l’apertura più importante. Si propone di ampliare le possibilità, per i franchisee, di utilizzare fornitori di propria scelta per l’acquisto di servizi, prodotti, attrezzature e materiali. Ciò soprattutto con riferimento ai beni e servizi considerati “non core” e non identificativi del sistema, oppure “ancillari” alla gestione del Ristorante;
Punto 8. – Anche in questo punto si propone una modifica delle previsioni contrattuali in materia di adeguamento del canone di locazione, in modo da:

  1. rimuovere la rinuncia preventiva da parte del franchisee circa la possibilità di sollevare eccezioni in merito a suddetti costi
  2. circoscrivere i casi in cui può essere aumentato il canone di detenzione dei locali in corso di contratto al solo caso in cui tale modifica derivi dal Titolo, da disposizioni normative o dal rispetto delle disposizioni contrattuali;

Punto 9. – Per questo punto, il tema trattato è il possibile ri-acquisto di attrezzature e arredi  da parte dell’affiliante. Al tal scopo si propone di introdurre un obbligo per McDonald’s, su richiesta del franchisee, di riacquisto delle attrezzature e degli arredi acquistati nei tre anni precedenti alla scadenza del contratto al prezzo di costo originario, al netto del deprezzamento dovuto alla normale usura quantificato nel 5% per anno, ferma restando la corretta manutenzione effettuata dall’affiliato;
Punto 10. – Questo punto si riferisce a momenti precontrattuale e il provvedimento AGCM ipotizza che McDonald’s porrebbe in essere, prima della sottoscrizione del contratto di franchising, condotte caratterizzate da carenze informative con riferimento agli oneri economici e finanziari derivanti dal rapporto contrattuale in istaurazione.
A tal scopo, quindi, è proposta una modifica dello standard della “Proposta Irrevocabile” con la quale McDonald’s, nella fase dei contatti preliminari, invia all’aspirante licenziatario una proposta per l’affidamento della gestione di uno specifico ristorante, con allegata analisi economico-finanziaria sul ristorante stesso. A tale riguardo, l’impegno di McDonald’s consiste nell’estensione da 3 a 15 giorni del termine per l’accettazione e l’analisi di tale proposta da parte del candidato.

A questo punto non resta che attendere il 18.04.2022, data entro la quale devono giungere eventuali osservazioni da parte di terzi sugli impegni presentati dalla società McDonald’s Development Italy LLC e poi il 18.05.2022, data entro la quale devono giungere eventuali rappresentazioni da parte di McDonald’s della propria posizione in relazione alle osservazioni eventualmente presentate da terzi sugli impegni entro la data del 18.04.2022, nonché l’eventuale introduzione di modifiche accessorie agli stessi.
Mi metto in attesa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.