Ristorazione, bar e alberghiero: certificata la “tragedia economica” del 2020

Pubblicato: 8 Maggio 2022 in Franchising e sistemi a rete
Tag:, , , , , , , ,

– § – RISTORAZIONE, BAR E ALBERGHIERO: CERTIFICATA LA “TRAGEDIA ECONOMICA” DEL 2020 – § –

Dal documento di ricerca elaborato dall’ “Osservatorio sui bilanci delle Srl 2020 – Focus ristoranti e alberghi” pubblicato dalla Fondazione Nazionale Commercialisti, la conferma di un collasso del settore nell’anno della pandemia

Il documento, che offre una puntuale e dettagliata analisi con moltissimi dati, possiamo sintetizzarlo con quanto segue:

Le Srl operanti nel settore Ristoranti e Alberghi, nel corso del 2020 hanno subito un calo dei ricavi, rispetto al 2019, pari al 44,9%, molto più ampio rispetto alla riduzione media che hanno fatto registrare le società a responsabilità limitata ( -8,5%). Il valore della produzione, invece, si è ridotto del 40%, mentre il valore aggiunto ha subito una flessione del 53,6%. Anche gli addetti sono diminuiti, facendo registrare una contrazione pari a 12,5%. I dati confermano le stime fortemente negative per il settore alberghiero e della ristorazione e mostrano anche che i sostegni pubblici al settore non sono stati in grado di contenere il calo del valore della produzione, se non in misura molto limitata, rispetto alla contrazione del fatturato, né di evitare la diminuzione degli addetti. All’interno del settore, la dinamica è stata molto eterogenea, poiché il comparto dell’Alloggio ha subito una contrazione molto più ampia del fatturato (-52,3%) e degli addetti (-22,4%) rispetto a quello della Ristorazione (-39,3% il fatturato e -8,5% gli addetti).

Le Srl del Centro Italia registrano il calo maggiore (-48,7%) rispetto alle altre macroaree. In particolare, il Sud (-41,9%) e il Nord-est (-42,1%) presentano i decrementi più contenuti, mentre il Nord-ovest (-46,1%) mostra una riduzione più ampia.

Per le singole regioni i decrementi del fatturato:

  • molto elevati risultano nel Lazio (-51,9%), in Basilicata (-49,9%), in Veneto (-48,7%), in Toscana (-47,9%), in Campania (-47,9%), in Lombardia (-47,2%) in Sardegna (-46,9%), in Piemonte (-43,3%), in Liguria (42,5%;
  • più contenuti risultano in Sicilia (-41%), in Emilia-Romagna (-40,7%), in Calabria (-37,7%), nel Friuli-Venezia Giulia (-33,9%), in Umbria (-36,5%) e nel Trentino-Alto Adige (-33%).
  • più contenuti risultano in Valle d’Aosta (-30,6%), in Molise (-31,2%), nelle Marche (-29,6%) e in Abruzzo (-29,8%).

Per i singoli comparti del settore “Ristoranti e Alberghi”, quelli più colpiti dalla riduzione del fatturato sono quello degli “Alberghi e strutture simili” (-55,7%) e “Alloggi per vacanze” (-47,4%). A seguire “Ristoranti e attività di ristorazione mobile” (-39,9%), “Bar e altri esercizi simili” (-38,3%) e dal “Catering” (-36,7%), mentre il comparto delle “Aree di campeggio” (-28,8%) presenta il calo più contenuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.